Scaffolding — Primm

La let­tu­ra asse­gna­ta intro­du­ce un approc­cio didat­ti­co per l’in­se­gna­men­to del­la pro­gram­ma­zio­ne chia­ma­to PRIMM (Predict, Run, Investigate, Modify, Make). PRIMM pro­po­ne un fra­mework didat­ti­co sul­lo scaf­fol­ding, che vede una pro­gres­si­va “appro­pria­zio­ne” del codi­ce che pas­sa dal­l’es­se­re “non mio” (let­tu­ra e stu­dio), “par­zial­men­te mio” (cor­re­zio­ne e modi­fi­ca), “mio” (scrit­tu­ra).

All’articolo è asso­cia­to un sito, dove sono pro­po­sti alcu­ni materiali.

Spunti di ragio­na­men­to / discussione

  • Come al soli­to, iden­ti­fi­ca­te aspet­ti rile­van­ti dell’articolo pro­po­sto, in sen­so posi­ti­vo o negativo.
  • Ripensando ai cor­si di pro­gram­ma­zio­ne che ave­te segui­to, che rap­por­to c’e­ra fra let­tu­ra e scrit­tu­ra di codice?
  • Riflettete su come inte­gra­re que­sti con­cet­ti nel­le lezio­ni “di base” che ave­te pre­vi­sto per la set­ti­ma­na prossima.

Riferimenti aggiun­ti­vi

Il fra­mework PRIMM è pro­get­ta­to per lin­guag­gi testua­li, ed è adat­to per la scuo­la secon­da­ria (di pri­mo e secon­do gra­do). Prende ispi­ra­zio­ne da model­li giù esi­sten­ti, che pren­do­no il nome di UMC (Use-Modify-Create) e TIPP&SEE (Title, Instructions, Purpose, Play; Sprites, Events, Explore), descrit­ti in que­sti articoli:

Scroll to top